Il Prof Emigrante – Anno III – Parte I: “Brividi a Subiaco”

Day 143

Cariche fantastiche e dove trovarle

22/01/2019

 

Riflettevo su Lino Banfi e il suo incarico all’Unesco. Soffermandomi al suo “Basta con tutti questi plurilaureati nelle commissioni, io porterò un sorriso“.

Mi chiedevo cosa potessi fare io senza utilizzare il mio curriculum di studi, perché – diciamolo pure – fare il prof mi sta stretto e ad oggi va per la maggiore la prestigiosa “Università della Vita“, presso la quale ho preso un paio di dottorati con tesi finali di notevole valenza popolare quali “Come non avere la tentazione di far esplodere la Terra dopo aver letto 100 commenti a caso su facebook“, “Discussioni socioeconomiche dal barbiere” e “Chiacchierare al bar argomentando su temi scientifici sfruttando la licenza elementare“.

Certo, ci vuole umiltà: non ho certo le competenze per fare il Fashion Blogger, il parrucchiere o addirittura l’Idraulico (magari: sarei ricco, girerei in SUV extralusso e mi permetterei di rispondere alla gente dopo settimane dalla richiesta di aiuto “urgente” compiacendomi della loro disperata brama del mio intervento e ridendone come un satanasso)

Mi basterebbe anche un’attività meno qualificata; sento che potrei provarci. Per esempio, mi vengono in mente:

Presidente del Consiglio o, in alternativa, Presidente di una delle camere. Avendo 576 followers, sento ormai forte la legittimazione popolare.
Ministro dei trasporti, avendo viaggiato molto in questi ultimi tre anni su vari mezzi privati e pubblici;
Presidente dell’Enac, vista la specializzazione in trasferte aeree;
Vice presidente dell’ACI, perché possiedo comunque una autovettura ad uso personale;
Commissario tecnico della Nazionale di Calcio e, al contempo, capitano della stessa. Il mio curriculum al fantacalcio e la consolidata nomea di “bomber implacabile” al calcetto con gli amici parlano da soli.
Gran Maestro dell’Ordine Massonico. Ho le dovute conoscenze avendo messo il like alle pagine dei potenti;
Presidente onorario della Banca d’Italia. Ho gestito in positivo per oltre vent’anni un mio conto corrente senza mai andare sotto quota 27 €.
Membro del Consiglio Superiore della Magistratura. Non avendo ancora ricevuto condanne penali (almeno fino alla pubblicazione di questo post) mi posso ritenere certificato come onesto.
Generale dell’Esercito Italiano. Non ho fatto il servizio militare, ma da ragazzo ho vinto decine e decine di partite a Risiko;
Capo riconosciuto della Mafia, della Camorra e della ‘Ndrangheta. Ho visto “Il capo dei capi”, “Gomorra” e un documentario sui Bronzi di Riace che comunque è legato alla Calabria (in caso, non andasse bene, posso sempre dichiarare di essere uno sfegatato fan della ‘nduja).
Papa. Grazie al catechismo dei miei figli, ogni tanto vado a messa e ne conosco i rudimenti;

Ora, nulla da dire a Lino Banfi, persona che immagino squisita e formidabile artista, che sono sicuro prenderà l’incarico con il dovuto senso del dovere, però…

Il messaggio che di questi tempi sta passando ai nostri ragazzi, ai quali cerchiamo di ricordare in ogni momento il valore dello studio, della certificazione delle competenze con un diploma o una laurea, della cultura nel senso più ampio possibile, non è certo il migliore.

Il prof emigrante (per una volta semiserio)

_________________________
Note

1 – Nel penultimo paragrafo, avrei voluto inserire un riferimento a “L’Allenatore nel Pallone“, caposaldo della cinematografia nostrana, ma non ne sono degno.

2 – Nell’ultimo, quello serio, mi stava scappando un riferimento indiretto ai testi della musica Trap e alla direzione verso cui trascinano i quindicenni di oggi. Purtroppo la mia conoscenza è troppo superficiale per andare oltre il comune “fanno cag…”

3 – Mi sono fermato nell’elencazione dei titoli possibili per decenza, ma sappiate che avevo anche aperto la pagina di wikipedia “Ordine delle cariche della Repubblica” e il post sarebbe potuto diventare chilometrico (più di quanto non lo sia già).

4 – In questo post c’è la sofferenza dei miei sacrifici passati, presenti e futuri per diventare me stesso. E la consapevolezza che forse sono/siamo nati nel periodo sbagliato.

5 – “Ma la storia cambierà!” (cit.)

EDIT – post pubblicazione
Pur restando valido il senso del post, sono stato ingannato dai virgolettati delle principali testate. La frase esatta del Lino nazionale dovrebbe essere questa, che riflette l’umiltà di chi si è trovato ad avere un incarico inatteso ed ha intenzione di provare a farlo bene pur non avendone le competenze convenzionali: “…in questi casi l’UNESCO, credo che le commissioni fino adesso si siano fatte con persone che sono plurilaureate in questo, in quell’altro, conoscono bene la geografia, conoscono bene i posti, i siti, gli ????, tutte cose che io non so, io voglio solo portare un sorriso dovunque. Anche nei posti più seri.

 


Continua nel Day 146 – Il genetliaco


Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.